Utilizzo della mascherina durante l’esercizio fisico

Mascherina ed esercizio fisico: cosa bisogna sapere per allenarsi in sicurezza.

A partire dalla fine del lockdown nello scorso maggio, in tutti i centri in cui si pratica attività fisica, abbiamo assistito ad un adeguamento alle norme anti-Covid-19 per offrire ai propri utenti un’esperienza nella più totale sicurezza.

L’esercizio fisico non previene soltanto quelle patologie dette esercizio sensibili, ma rappresenta l’alleato più potente per modulare gli effetti fisiopatologici dovuti al virus Covid-19.

Nelle linee guida del Governo italiano si consiglia caldamente di svolgere esercizio fisico, soprattutto se intenso, senza utilizzare la mascherina protettiva e mantenendo il distanziamento sociale. Perché? Cosa succede se si utilizza la mascherina per coprirsi naso e bocca durante l’allenamento ? E’ sicuro e sensato utilizzarla anche durante l’allenamento?

Esercizio fisico e scambio gassoso

L’apporto di ossigeno necessario per sostenere gli allenamenti avviene nell’apparato respiratorio, in particolare a livello degli alveoli, per diffusione, ovvero senza utilizzo di energia: il sangue che arriva al livello degli alveoli è quello venoso ricco di anidride carbonica e scarico di ossigeno, l’aria inspirata invece presenta una quantità di ossigeno maggiore rispetto a quella sanguigna e la quasi assenza di anidride carbonica. L’anidride carbonica ha un ruolo fondamentale in questo equilibrio, in quanto l’ossigeno può essere scambiato solo se l’anidride carbonica in eccesso viene prima smaltita. Anidride carbonica e ossigeno si legano a livello ematico agli stessi elementi corpuscolari, i globuli rossi. Negli alveoli la percentuale dell’ossigeno contenuto nell’aria inspirata è intorno al 21% la quantità di anidride carbonica è invece allo 0,04% circa. In questa fase è molto più semplice per l’anidride carbonica scambiarsi rispetto all’ossigeno per via di un differenziale maggiore. L’ossigeno contenuto nell’aria può quindi trovare posto sui siti di legame dell’emoglobina. Durante l’allenamento le richieste d’ossigeno e produzione di anidride carbonica incrementano in relazione alla durata e all’intensità dell’esercizio praticato: l’equilibrio descritto sopra, però, può andare in crisi se riduciamo la quantità e la qualità dell’aria disponibile.

Utilizzo della mascherina durante l’allenamento

La mascherina utilizzata come protezione per il Covid-19 è un elemento che si interpone fra bocca e naso, le vie d’accesso per l’aria ai polmoni: non è solo un filtro, ma è una barriera che modifica l’equilibrio fra gli scambi di gas.

Le modificazioni che si creano con la mascherina sono essenzialmente due:

  1. Riduzione della quantità di aria inspirata: questo è facilmente percepibile, perché le mascherine sono progettate per garantire un adeguato apporto di ossigeno in condizioni basali, ma durante l’allenamento la richiesta di ossigeno può aumentare anche di 25 volte. La mancanza d’aria può modificare i parametri respiratori favorendo la frequenza respiratoria e limitando la profondità del respiro.
  2. Modificazione della miscela di ossigeno e anidride carbonica: le stesse difficoltà in entrata, si hanno anche in uscita, nel momento in cui, espirando, espelliamo l’anidride carbonica scambiata a livello degli alveoli. Questa modificazione è ancora più importante rispetto a quella precedente. Se nella fase di espirazione l’anidride carbonica non può uscire liberamente, durante l’inspirazione successiva verrà nuovamente veicolata verso i polmoni, modificando la miscela dell’anidride carbonica che dallo 0,04% passerà a percentuali enormemente superiori. Questo diminuisce la possibilità di essere scambiata negli alveoli con l’ossigeno, visto che i siti di legame non sono liberi.

Ipercapnia

La principale conseguenza di queste due modificazioni è una condizione detta ipercapnia, in cui l’anidride carbonica si accumula nel sangue, abbassandone il pH e portando, nel caso più estremo, all’acidosi respiratoria acuta. Bisogna sottolineare che il caso peggiore è una condizione che difficilmente si verifica utilizzando una mascherina chirurgica, anche perché è sufficiente rimuoverla per “risolvere” il problema e, inoltre, l’intensità e il volume dell’esercizio devono essere tali da portare il sistema in questa situazione.

Articoli correlati
Potrebbe interessarti anche …

Correlazioni fra esercizio fisico e Covid

Timing | Cose da sapere

Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Evolve Training Solutions srls

Direttore Sanitario: Dott. Giovanni Piran

Via Luigi Cadorna, 2

35020, Albignasego (PD)

P.Iva 05143880283

Scrivici su WhatsApp